I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Approvo

 

In occasione del 59° salone nautico internazionale di Genova, è stato pubblicato dal MIT "Il Diporto Nautico in Italia Anno 2018"

Il volume illustra con tabelle, grafici e commenti, i principali risultati di rilevazioni statistiche su infrastrutture e consistenza del naviglio da diporto, patenti nautiche, sinistri ed attività svolta dalle Capitanerie di Porto.

Nelle tavole relative alle patenti nautiche rilasciate per esame nel 2018 si osserva un aumento del 4,7% rispetto all'anno precedente per gli Uffici Marittimi ed un calo del 3% per gli Uffici della Motorizzazione Civile. In totale il dato è comunque positivo, l'incremento è del 2,8%

Con l'entrata in vigore del Decreto 2 maggio 2019 "Determinazione del gettone di presenza da attribuire ai componenti delle commissioni di esame per il conseguimento delle patenti nautiche" aumenterà l'importo del tributo di ammissione all'esame: per il conseguimento delle patenti nautiche A e C da euro 29,57 passerà a euro 44,57; per il conseguimento della patente nautica per navi da diporto da euro 118,27 a euro 133,27. Gli aumenti saranno in vigore dal 10 agosto 2019. 

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 49 del 27/02/2019 del DPR n. 152 del 14.12.2018 è stato avviato il percorso per la regolamentazione dello Sportello Telematico del Diportista in sigla "STED".
Il decreto che entrerà in vigore il 14 Marzo, per essere pienamente attuato dovrà attendere l'emanazione di ben 6 Decreti Ministeriali che dovranno regolare le procedure, per i collegamenti telematici tra gli Sted e L'Archivio Centrale della Nautica ubicato presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Presso gli STED si procederà all'iscrizione delle imbarcazioni, con emissione di una sigla alfanumerica Nazionale non più legata alla Capitaneria di Porto, inoltre si potranno aggiornare le licenze di navigazione con l’emissione di un nuovo documento, eseguendo tutte le operazioni che attualmente sono svolte dalle Capitanerie in materia di Pubblicità Navale.
Il Decreto individua sia i soggetti privati , quali gli Studi di Consulenza Nautica ed i Raccomandatari Marittimi abilitati, sia i soggetti istituzionali come le Capitanerie ,gli Uffici Circondariali Marittimi e gli Uffici Territoriali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti , in comune avranno lo stesso sistema di collegamento all'Archivio Centrale della Nautica, e cioè il SISTE (Sistema Telematico della Nautica da Diporto ) con il quale si potrà in tempo reale reperire i dati giuridici e tecnici delle imbarcazioni .
Nel suo insieme la riforma che si attendeva da 12 anni, data della presentazione del proposta di legge, ha ancora alcune criticità, che saranno oggetto di valutazioni successive soprattutto nell’ottica di una vera semplificazione delle attuali procedure .
La fine dei Registri Cartacei e l’avvento del Digitale, nella Nautica ridurrà i tempi di attesa dei documenti di Navigazione, un contributo (ma non può essere il solo ) verso una ripresa strutturale del Settore.

Marco D'Agliano

La Motorizzazione Civile di Reggio Emilia aveva inizialmente respinto la domanda di ammissione all’esame di un cittadino italiano residente all’estero presentata dalla scuola nautica di un nostro associato.

La risposta la fornisce la D.G. per la vigilanza sulle autorità portuali, le infrastrutture portuali ed il trasporto marittimo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con la nota n. 639 del 9-1-2019, replicando al quesito della stessa Motorizzazione (inserita nella banca dati associativa).

Il Ministero precisa che il principio di territorialità per la presentazione della domanda non si applica ai cittadini italiani residenti all’estero ed ai cittadini stranieri.

 

Area Utenti